Liu Zi Jue, Il Qi Gong tranquillo di sei parole

Con il nome "Liu Zi Jue" si indica una pratica di Qi Gong che unisce movimenti del corpo e vocalizzazione di parole con l'obbiettivo di generare una vibrazione nel corpo per mantenere la salute e curare le malattie.

Facendo riferimento agli ideogrammi  六字訣 ,  il termine “Liu Zi Jue” può essere tradotto come “Le sei parole segrete” oppure “I sei suoni riservati” mentre una traduzione meno letterale e più attenta ai suoi effetti può essere “Qi Gong tranquillo di sei parole” oppure “Qi Gong per nutrire l’Energia vitale”.

L’effetto di suoni specifici sul corpo umano è noto e impiegato da tempo sia in Oriente che in Occidente,trovando nella vocalizzazione dei mantra,spesso uniti alla particolare posizione degli arti prevista nei mudra un esempio tra i più noti. A testimoniare l’importanza di questa pratica è il secondo ideogramma presente nel nome. Il carattere infatti si può tradurre come “parola”, intesa come lettera, simbolo carattere o – come nella interpretazione specifica nel nostro impiego – suono di senso compiuto pronunciato dalla bocca umana; ma tra i vari altri suoi significati cene sono anche alcuni che esprimono l’azione di governare, amministrare,educare, prendersi cura di qualcuno, sollevare, partorire o allevare un bambino. Una parola quindi che da la vita a un essere umano, lo mette al mondo e lo guida sulla retta via, una analogia evidente con il mito della creazione del mondo per mezzo della parola che troviamo anche nella religione induista, ebraica e cristiana.

Rimanendo nello stretto ambito del “Liu Zi Jue”  possiamo notare che la scoperta delle proprietà terapeutiche di alcuni suoni specifici e la loro azione sugli organi interni del corpo umano appartiene da secoli alla cultura cinese ed è parte integrante delle pratiche della sua medicina tradizionale, spesso unito  anche alla esecuzione di specifici movimenti o esercizi fisici.

Il termine “Liu Zi Jue”  appare per la prima volta nel libro “Metodi per la cura della salute della mente e per prolungare la durata della vita” scritto da Tao Hongjing nel periodo delle Dinastie del Nord e del Sud (420 – 589 d.C.). Tao Hongjing  fu una eminente figura della scuola taoista del Maoshan (Monte Mao) a cui era riconosciuta una profonda conoscenza della Medicina Tradizionale Cinese e dei vari metodi fisici per mantenere una buona salute e curare la malattia attraverso pratiche specifiche. Un altro eminente praticante di questa forma di Qi Gong fu ZouPu’an vissuto nel periodo della dinastia Song, che illustrò questi esercizi nel suo libro “La suprema abilità per conservare la salute – Sei metodi per praticare esercizi di respirazione”. Fino al periodo della Dinastia Ming (1386– 1644 d.C.) gli esercizi del “Liu ZiJue”  non erano accompagnati danessun movimento fisico, furono allora Hu Wen huan e Gao Lian a scrivere diversi libri su questo argomento, illustrando nei loro scritti l’efficacia di questa pratica per curare i malanni e prolungare la durata della vita.

La base teorica del “Liu Zi Jue”  si richiama ai dettami della Medicina Tradizionale Cinese ed in particolare alle relazioni intercorrenti tra i Cinque Elementi universali e i cinque Organi Yin ed i relativi Visceri Yang del corpo umano. In particolare,con la pratica del “Liu Zi Jue” , grazie alla vocalizzazione di parole specifiche, mettiamo in vibrazione un organo interno e apriamo il corrispondente meridiano energetico, eliminando gli effetti patogeni delle sei energie climatiche (Vento, Umidità, Calore, Freddo, Secchezza,Caldo).

Nella pratica del “Liu Zi Jue”  è importante l’attenzione e l’intenzione (Yi) in modo da visualizzare il tragitto del meridiano e la posizione dell’organo su cui si sta agendo attraverso il suono; per questo motivo gli esercizi vengono eseguiti quasi tutti con gli occhi socchiusi, ad esclusione di quello relativo al Fegato, che viene invece svolto con gli occhi spalancati.

Le sei Parole ed i relativi Organi sono.

Parola  XIU, pronuncia “”, carattere 嘘 (“sibilo”, “lamento”, “espirare lentamente” o “sospiro profondo”). Equilibra l’energia del Fegato ed attiva il meridiano del Polmone, libera il fegato dalle emozioni negative, dall’ira,dalla repressione e dalla frustrazione.Il Fegato dipende dal Legno, il suo periodo dell’anno è la primavera, l’inizio sono gli occhi. Si pronuncia la parola “Xiu” oppure “Sciu” con la bocca socchiusa con le labbra che quasi si toccano, la lingua poggia sui molari e le due arcate dentarie sono non si toccano, gli occhi sono spalancati per attivare lo Yi (intenzione) e l’energia del Fegato mentre la mano destra è poggiata sul busto all’altezza del fegato.

Parola  KO oppure HE, pronuncia “ho” (cantonese) oppure “hē”(mandarino), carattere 呵 (“sbadiglio”, “risata”). Tonifica l’energia del Cuore ed esprime serenità e contentezza. Il Cuore dipende dal Fuoco,il suo periodo dell’anno è l’estate, l’inizio è la lingua. Si pronuncia la parola “CO” oppure “OE” gutturale con le labbra rilassate ed una distanza di circa un pollice tra le arcate dentarie superiore e inferiore, tenendo le mani poggiate sul busto all’altezza del cuore.

Parola  HU, pronuncia “hū”, carattere 呼 (“singhiozzare”, “espirare” o “chiamare”). Nutre l’energia della Milza/Pancreas e Stomaco e apre i canali di Milza e Cuore liberando dalle preoccupazioni eccessive. La Milza dipende dalla Terra, il suo periodo dell’anno sono gli ultimi 18 giorni di ogni stagione, l’inizio è la bocca. Si pronuncia la parola “Huuuu” oppure “Fuuuu” immaginando di avere un tubo in bocca e di soffiarci dentro per ottenere un suono simile alla sirena di una nave, tenendo la mano sinistra poggiata sul busto all’altezza della milza.

Parola  XIE, pronuncia “xì”, carattere 呬 (“riposare”). Regola l’energia del Polmone e apre i canali di Fegato e Polmone, pulisce i bronchi e allontana la tristezza. I Polmoni dipendono dal Metallo, il loro periodo dell’anno è l’autunno, l’inizio è il naso. Si pronuncia la parola “SIEA”con un suono iniziale (SI) breve ed esplosivo ed uno finale (EA) molto aperto pronunciato con la bocca spalancata, tenendo la braccia incrociate sul busto.

Parola  CHUI, pronuncia “chuī”, carattere 吹 (“soffiare fuori”, “gonfiare”, “esplodere”). Tonifica l’energia del Rene e apre i canaliRene e Mastro del Cuore, liberando dalla paura. I Reni dipendono dall’Acqua, il loro periodo dell’anno è l’inverno, l’inizio è l’orecchio. Si pronuncia la parola “CIUI” (con la prima I poco udibile) come se si tenesse un flauto tra le labbra, tenendo le mani poggiate sulla zona lombare in corrispondenza dei reni.

Parola  XI, pronuncia “xī”, carattere 嘻 (“allegro”, “felica”, “gioioso”). Regola il Triplice Riscaldatore. Si pronuncia la parola “CSI” con la bocca atteggiata ad un sorriso ma con le labbra serrate in modo che non si vedano i denti, tenendo una mano poggiata sul busto ed una sull’addome. Stimola la circolazione del Chi e del sangue e porta l’energia in tutto il corpo.

Le sequenza di esecuzione è quella riportata in precedenza; come ulteriore pratica mirata a contrastare gli effetti dell’invecchiamento si può ripetere il suono Rene dopo il suono di Triplice Riscaldatore.